News

Corso sulla Consultazione Partecipata

Il Centro Studi Martha Harris di Venezia, in collaborazione con il Centro di Consultazione G.B.A, organizza un nuovo corso di formazione che pensiamo possa essere interessante per psicologi, psicoterapeuti, neuropsichiatri infantili, pediatri, neuropsicomotricisti, logopedisti e educatori, per approfondire il loro percorso formativo nell’area dell’ infanzia e della relazione genitori-figli.


Corso biennale sulla Consultazione Partecipata

secondo la metodologia di Dina Vallino ( vedi sotto scheda informativa **) tenuto da docenti esperti in Infant observation e in Consultazione partecipata. Il corso si articolerà in 7 incontri all’anno della durata di 4 ore, (venerdì pomeriggio o sabato) da novembre a giugno, in date da stabilirsi una volta raggiunto un numero minimo di 6 partecipanti (massimo 10 persone).

Ogni seminario sarà diviso in due parti, una di circa un’ora e mezzo dedicata allo studio approfondito dei testi ed articoli suggeriti all’inizio del corso, il resto del tempo, circa 2 ore e mezzo saranno dedicati alla parte clinica, con esposizione di materiale di valutazione portato dai partecipanti e/o dai conduttori del seminario.

Programma del primo anno

  1. Il modello della Consultazione partecipata
  2. Studio approfondito dei singoli passaggi, che costituiscono il setting della Consultazione partecipata, e dei principi psicoanalitici fondamentali su cui si basa il metodo della CP quali: la nuova concezione del lattante e del neonato, la nozione di fraintendimento, l’identificazione, l’identificazione proiettiva e introiettiva, il gioco narrativo, il concetto di reverie.
  3. La Consultazione Partecipata e la Consultazione Prolungata nella prima e seconda infanzia
  4. La Consultazione partecipata con genitori e bambini nei disturbi di separazione, alimentari, degli sfinteri e del sonno in età prescolare

Programma del secondo anno

  1. La Consultazione partecipata applicata in ambito ospedaliero
  2. Consultazione partecipata nelle Istituzioni del SSN
  3. La Consultazione partecipata nelle situazioni traumatiche

Bibliografia essenziale

  • Raccontami una storia(Borla, Roma 1998),
  • Essere neonati. Osservazioni psicoanalitiche(Borla, Roma 2004) .
  • Fare psicoanalisi con genitori e bambini(Borla)
  • Articoli vari di cultori della materia che verranno mandati online ai partecipanti.

Informazioni

SEDE: Cannaregio 1322b , Venezia (a 5 minuti dalla Stazione dei treni)

COSTI e ISCRIZIONI: Corso sulla Consultazione partecipata, per 1 anno: € 900+ IVA ***

PER ULTERIORI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI CONTATTARE:
Dora Sullam:
dorasullam@yahoo.it
T. 349 6074507
( per il corso di osservazione)

Simona Nissim:
simona.nissim@gmail.com
(per il corso sulla consultazione partecipata)

Centro di Consultazione per Genitori, Bambini e Adolescenti:
centrodiconsultazionegba@yahoo.it
T. 041-718374

***L’iscrizione al corso comprende la partecipazione ai 4 Seminari aperti del CCGBA, che si terranno da gennaio a maggio, con l’attribuzione di circa 25 punti ECM

Per il Corso sulla Consultazione partecipata un elemento di priorità è costituito dai candidati al corso che abbiano già fatto l’esperienza di Infant observation.

Per coloro che non abbiano fatto questa esperienza e che desiderino farla, contemporaneamente o successivamente al corso sulla Consultazione Partecipata Il Centro Studi istituisce regolarmente moduli di Infant Observation..

Per quest’anno vi è la possibilità di frequentare entrambe i corsi (su Infant Observation e Consultazione partecipata) che si terranno nello stesso week-end.


**Scheda informativa sulla Consultazione partecipata
La Consultazione Partecipata, nella sua versione breve (due, tre mesi) e prolungata (circa un anno), ottiene risultati positivi contribuendo a mettere in moto o risvegliare il legame affettivo e mentale tra il bambino e i suoi genitori considerando, fin dalla nascita, il bambino come persona esistente con la propria intenzionalità. Compito della Consultazione Partecipata è, infatti, quello di esplorare il disagio del bambino per come si presenta nella seduta, incoraggiando i genitori a diventare oltre che interpreti, osservatori partecipi della relazione tra sé e il figlio, tenendo conto costantemente della centralità della sua mente affettiva, della sua persona, delle sue difficoltà, ma anche della sua creatività e originalità. Un lavoro che, poiché coinvolge i genitori nella ripresa responsabile della cura dei figli, favorisce lo sviluppo di una autentica alleanza terapeutica nel caso della successiva indicazione all’avvio di una terapia individuale per il figlio. Dina Vallino è stata una psicoanalista della Società psicoanalitica italiana che ha rinnovato la psicoanalisi infantile, mutandola nelle sue strutture quali la teoria clinica e la concezione della mente infantile. Tra i suoi testi principali ricordiamo Raccontami una storia (Borla, Roma 1998), . Nel libro Essere neonati. Osservazioni psicoanalitiche (Borla, Roma 2004) introduce un nuovo tipo di ricerca derivata dalla infant observation: la relazione del neonato con la madre è studiata attraverso l’osservazione di decine di bambini nelle loro famiglie. Nel Fare psicoanalisi con genitori e bambini (Borla), si illustra nei particolari il metodo della Consultazione partecipata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.